Spettacolo 2009 - Insieme si può

Logo realizzato da Dario Ballantini Ottobre 2012
Vai ai contenuti

Menu principale:

Eventi
“Insieme si può…” edizione 2009: Un evidente successo tributato dalle migliaia di persone presenti nella magnifica arena del Teatro al Castello di Roccella Jonica (RC). A quanto pare la formula funziona ed anche bene. Musica e comicità un binomio che ha consentito in questi anni l’aggregazione tra cittadini e istituzioni. Insieme all’insegna delle legalità, dell’amicizia e del divertimento….un sano divertimento. Notevole la fase organizzativa ma decisamente altrettanto notevole la soddisfazione nel vedere circa 3000 persone attendere la messa in scena dell’ottava edizione dell’attesissima kermesse estiva. Grandi nomi hanno voluto seguirci quest’anno, hanno inteso testimoniare la loro condivisione ai progetti di “Insieme si può…”. Iniziamo con ordine, partiamo dalla terna di presentatori, quest’anno di vero prestigio: il grande Claudio Batta, sempre presente da quasi un decennio all’appuntamento estivo, quest’anno visto anche in veste di critico….alimentare con un delizioso monologo satirico tratto dal suo nuovo spettacolo; il magnifico Max Laudadio, vera e propria rivelazione nei panni di conduttore e cantante, che vedremo sempre più spesso nelle iniziative di “Insieme si può…” che ha letteralmente travolto il palcoscenico di Roccella Jonica con una esplosiva scaletta artistica.

Infine, cosa dire dell’amico Gianni Cinelli, proposto nelle inedite vesti di Rumilde, simpatica zia dei due presentatori che ha portato una ventata decisamente….. familiare alla serata, con le sue pantofole e la vestaglia, arricchite da una gradevole e folta….barba. Una veste diversa dalle note maschere di Ganjaman e del maresciallo dei RIS. Un attore completo Gianni Cinelli. Strepitoso il sound dei Taranproject, che come sempre hanno coinvolto tutti i presenti. Una musica gradevole eseguita con passione dai nostri magnifici amici musicisti diretti da Mimmo Cavallaro. Strumenti tradizionali e musica popolare hanno stimolato una significativa partecipazione del pubblico che ha espresso evidente consenso all’esibizione dei “Taranproject”. Non avevo mai ascoltato la loro musica: non riuscivo a distrarmi dalla loro esibizione. 

Profonda emozione per il momento dedicato alla memoria dell’eroe della Polizia di Stato dott. Giorgio Boris Giuliano, Capo della Squadra Mobile di Palermo, ucciso il 21 luglio 1979 da Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina. La consegna del riconoscimento è stata preceduta dalla visione di un video con il quale, si è tentato di rappresentare il contributo offerto da Giorgio Boris Giuliano nella lotta alla mafia. Una figura decisamente significativa nello scenario investigativo di quegli anni, che ha fornito una lettura diversa di quel panorama criminale in continua evoluzione. Un uomo che non ha esitato a donare la propria vita per affermare i principi di legalità e di giustizia. La vita di Boris Giuliano è stata dedicata a cercare gli strumenti atti a far emergere questa verità, a farla apparire in tutta la sua virulenza e pericolosità e a combatterla in nome di un alto concetto di giustizia e di umanità.
Ricordarlo oggi, al di là delle celebrazioni e degli anniversari, significa avere la volontà di tenere aperti gli occhi, di non lasciarsi irretire dalle sirene di una comoda irresponsabilità, di sconfiggere il sonno della ragione; significa onorarne la memoria accettando la realtà che egli ci ha mostrato e farla splendere in piena luce. A ritirare il riconoscimento, il dott. Renato Cortese, altra importante figura della Polizia di Stato nel campo del contrasto alla criminalità organizzata, premiato da “Insieme si può…” edizione 2008 per le brillanti operazioni di polizia portate a termine e per la cattura di numerosi esponenti della cupola, ultimo dei quali Bernardo Provenzano. Molto toccante la lettura, attraverso una clip video, di una lettera di ringraziamento scritta da Alessandro Giuliano, figlio del dott. Giorgio Boris Giuliano, ed anch’esso brillante funzionario della Polizia di Stato, al momento dirigente della Squadra Mobile di Milano.
Molto toccante la lettura, attraverso una clip video, di una lettera di ringraziamento scritta da Alessandro Giuliano, figlio del dott. Giorgio Boris Giuliano, ed anch’esso brillante funzionario della Polizia di Stato, al momento dirigente della Squadra Mobile di Milano. Grandissima la commozione tra i presenti per le bellissime e toccanti parole espresse nella missiva, per la quale ringraziamo tutti noi il dott. Alessandro Giuliano. Numerose le autorità presenti a rendere omaggio a questo grande eroe, tra i quali il Dirigente del Commissariato P.S. di Siderno dott. Luigi Silipo al quale rivolgiamo un sentito ringraziamento per l’attenzione e la disponibilità sempre evidenziata. Non è stato visto però, il Questore di Reggio Calabria dott. Carmelo Casabona, da noi invitato in largo anticipo alla cerimonia di commemorazione di un eroe della Repubblica Italiana e della Polizia di Stato.
Ovviamente non abbiamo ricevuta alcuna comunicazione in merito a questa assenza. Molto coinvolgente anche la premiazione alla carriera di giornalista, scrittore e sceneggiatore per Carlo Lucarelli, anche per lui un esauriente filmato di presentazione per questo….misterioso personaggio. Il lavoro di Lucarelli non è importante perché sarebbe capace di proporre risposte per questi enigmi e quindi di fare luce nel buio, lo è perché ritornando sui fatti egli riesce a ridare un significato ai buchi neri della nostra Storia, riesce a ridare senso a ciò che senso sembra non avere. Il racconto di quelle storie irrisolte serve a far sapere che certe cose sono avvenute, e avvengono, e serve anche a mostrare che la verità non è mai semplicistica come spesso la fanno apparire i mass-media preposti all’informazione. Le frasi riportate sui riconoscimenti consegnati a Carlo Lucarelli ed alla memoria di Giorgio Boris Giuliano, sono state proposte dagli amici proff. Salvatore Scali ed Alessandra Mallamo, ai quali rivolgiamo un sentito ringraziamento per la loro partecipazione a questa manifestazione. Per quanto riguarda i video, gli stessi sono visionabili attraverso il nostro menù. Passiamo adesso a commentare gli interventi dei nostri amici comici. Loro sono coloro i quali ci consentono di realizzare questo atteso appuntamento, oltre ovviamente a tutti voi, gli amici del pubblico che ogni anno sono sempre più numerosi.

Che dire, questa è la mia terra, questi sono i calabresi!!!! Questi artisti, come i loro colleghi negli anni precedenti, hanno voluto testimoniare la loro condivisione ai progetti di “Insieme si può…”, partecipando all’evento a titolo assolutamente gratuito, rinunciando, per molti di loro, ad altra serata che gli avrebbe consentito di guadagnare il loro cachet. Questo non è un particolare trascurabile. La loro partecipazione evidenzia un profondo senso civico ed una grande umanità, oltre ovviamente a dimostrare la presenza di una grande dote che ritengo importante, anzi fondamentale in un essere umano: l’umiltà. Grande la partecipazione ed il consenso del pubblico alle performance di questi grandi artisti. 
Oltre alla partecipazione artistica, tutti i comici ci onorano della loro personale amicizia ed anche per questo li ringraziamo profondamente. Grande ritorno di Marco Bazzoni in arte Baz 3.0 insieme all’amico Marzio Rossi, inseparabile presentatore e, per chi non lo conoscesse, anche grande comico ed autore. Un Baz quest’anno che ci ha stupito proponendoci le sue strabilianti doti di ballerino, con l’interpretazione di alcune figure ispirate al defunto Michael Jackson. Pungente e diretta la sua satira rivolta alla tv spazzatura ed ai finti miti che la stessa ci propone. Decisamente impareggiabile l’esibizione di Giovanni Vernia in arte Jhonny Grove, discotecaro svampito sul palcoscenico, brillante ingegnere informatico nella vita. Il suo personaggio teatrale ci mostra, in chiave farsesca, uno spaccato di vita notturna che coinvolge i nostri giovani. La sua comicità consente ai nostri ragazzi di riflettere sui loro comportamenti del venerdì sera, inducendoli, almeno si spera, a rivederli e magari ridimensionarli quel tanto che basta a vedere una felice conclusione di serata. Decisamente unico nel suo genere.
Uno scoppiettante Nonno Anselmo, proposto dal simpaticissimo Omar Fantini, che ci ha raccontato delle turbolente vacanze del vecchietto in calore, più famoso d’Italia. Subito dopo, abbiamo avuto modo di apprezzare le doti artistiche di ed espressive di Omar, con il suo monologo sui dentisti, attraverso il quale, in chiave comica, ha raccontato quello che accade ai pazienti di quegli studi medici. Una performance ricca di mimica e rumori che ha letteralmente catturato il pubblico presente. Dal profano al sacro. E’ il momento di parlare di una suora decisamente fuori dal normale: Suor Nausica, magistralmente interpretata dall’amico Paolo Casiraghi. E’ veramente una delizia ascoltare le parabole raccontate da questa suora. Parabole che hanno comunque una loro morale e che, sempre e comunque vanno a punire il cattivo, come a significare, come l’antico proverbio: “Chi la fa….l’aspetti”. non una semplice e mera battuta, ma un messaggio tra le righe, come d’altronde insegna l’arte del cabaret. Provocazione e satira.
 Grande coinvolgimento del pubblico ad opera del duo Alessandro Bianchi e Michelangelo Pulci. Il magnifico Alessandro è riuscito a far interagire circa 3000 persone con le sue impareggiabili doti di mimo e rumorista, non mi era mai capitato di vedere una folla così imponente, partecipare alle…."follie" di un comico. Uguale consenso per l’entrata in scena di Saro, il gestore della più famosa ristoria pizzorante. Ineguagliabile l’interpretazione del giudice di Forum Santi Licheri. Cosa dire di questi due artisti se non che sono dei grandi. Splendida anche l’esibizione dei Marvanza che hanno proposto il loro reggae con una rivisitazione della nota canzone “Stessa spiaggia stesso mare”, che ha coinvolto il pubblico presente. Una serata veramente fantastica che riproporremo il prossimo anno.
Note stonate come ogni anno:

avevamo chiesto la presenza, tra i sostenitori dell'iniziativa, anche di Confindustria Reggio Calabria, scrivendo una lettera al presidente dott. Femia. Pensate che, durante un velocissimo colloquio telefonico avuto, non con il magnifico Signor Presidente ma con la sua segretaria, si sono preoccupati di sottolineare la loro sensibilità a questo genere di iniziative, ma nel concreto non hanno neanche inteso rispondere alla nostra richiesta. Tale decisione è stata fermamente riferita, durante la suddetta conversazione, dalla stessa segretaria la quale ha più volte ribadito che il presidente non risponderà affatto. Dov'è finito il detto."chiedere è lecito e rispondere è CORTESIA. Forse non sono cortesi?? Noi abbiamo lo stesso raggiunto il nostro obiettivo. Evidentemente dovremmo lavorare un pochino di più sull'indifferenza, ma non tra i giovani, tra quelli meno giovani. Meno male che avevano detto di essere sensibili.............Che vergogna!!!! Neanche un minimo di educazione.......Grazie a tutti e specialmente al pubblico della Calabria, sempre presente in migliaia a dare grandi lezioni di vita.......questa volta anche agli industriali. Questi siamo noi……….e ne siamo fieri!!!!!!!!!! Simile il risultato avuto con l'Alitalia e l'Airone. Pensate che lo scorso anno, ci avevano lasciato a terra tre comici, rei di essere giunti con qualche secondo di ritardo al ceckin. Abbiamo dovuto fare i salti mortali, facendoli prendere un taxi da Linate sino a Malpensa per fargli prendere un volo che li facesse arrivare in Calabria. analoga sorte per Max Laudadio e la sua troupe, che si sono visti parcheggiare in overbucking. Questo accade perchè le compagnie aeree vendono biglietti in numero maggiore rispetto alla capienza degli aerei stessi. Accade così che una persona, nonostante abbia sborsato dei soldi ed acquistato un biglietto aereo, convinto di partire per la sua tanto attesa destinazione, si trova ad essere respinto per il volo successivo in quanto le persone che sono arrivate prima sono state imbarcate e lui..........s'attacca non si sa dove....ma s'attacca, forse al tram. Lo scorso anno si sono verificate queste situazioni e NON SIAMO RIUSCITI A CONTATTARE NESSUNO DELL'ALITALIA O DELL'AIRONE. 
Abbiamo rischiato di far saltare lo spettacolo con tutte le conseguenze derivanti, ma non siamo riusciti a rintracciare nessun responsabile, nonostante i numerosi tentativi di contattare tale dott. Marco Laterra, assolutamente irreperibile. Qualche mese dopo, attraverso la nostra agenzia di viaggi, riusciamo a colloquiare con il predetto funzionario, il quale, porgendoci le sue scuse per l'accaduto, precisando sempre che la colpa era dovuta al ritardo dei comici nel presentarsi al ceckin (nessun cenno per la parte relativa all'overbucking), proponeva per l'edizione del 2009 di venirci incontro con qualche agevolazione sulle tariffe dei voli. Comunque siamo dei buoni clienti se si pensa che ogni anno si spendono circa 3.000 euro in biglietti aerei. Per l'edizione di quest'anno, veniva contattato il dott. Laterra, il quale chiedeva di ricevere una istanza a tal proposito. Dopo ciò, lanciava la palla al suo collega di Reggio Calabria, dott. Salerno. Morale della favola, ancora stiamo aspettando risposta. Pensate che alle omesse risposte sul cellulare, dopo qualche giorno seguivano degli sms con i quali, i due funzionari, comunicavano la loro impossibilità a rispondere, a causa dei loro impegni. Miiii..... quanto lavorano, non risucivano a richiamare neanche la sera, questo mi rammarica molto. Simpatico il sistema di comunicazione, ma decisamente adatto ai ragazzini con le loro fidanzatine, non come metodo per comunicare con questa organizzazione. Grazie lo stesso signori dell'Alitalia e dell'Airone e grazie dott. Laterra e dott. Salerno, grazie per l'attenzione prestata. Vi saremmo stati grati anche di un buono sconto di 10 euro per un biglietto aereo, decisamente molto più gradito della Vs......attenzione.

Un doveroso ringraziamento ai comuni di Roccella Jonica, Gerace, Portigliola; Caulonia. Al Consiglio Regionale della Calabria ed all'Osservatorio Regionale sul fenomeno della Mafia. Al Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Locri ed alla SIAE. un aiuto ed un sostegno veramente insostituibile. Grazie al Consigliere Regionale Cosimo Cherubino per l'attenzione che ha sempre dedicato all'evento. Grazie a tutti.
Segnaliamo, con particolare rammarico, l'aumento di quei pubbllici amministratori, fortemente presenti tra i posti riservati durante gli spettacoli (a godere del divertimento offerto) ma, a quanto pare, altrettanto....assenti quando si tratta di concretizzare il sostegno promesso alla manifestazione. Ovviamente, la loro adesione veniva già concessa in tempi decisamente antecedenti all'evento stesso. Così facendo viene garantito l'inserimento dei loghi nel materiale pubblicitario, nonchè i posti tra le autorità. (Sarà un caso???) Quest'anno, l'indifferenza e la noncuranza ci è stata riservata dal comune di MARTONE e dalla COMUNITA' MONTANA della LIMINA - STILARO, entrambi rappresentati dal prof. GIORGIO IMPERITURA, nuovo Sindaco di quel comune, il quale, come riferito in diversi contatti telefonici, troppo impegnato per avviare l'iter necessario a garantire quanto promesso. Fin troppe volte ci ha rinviato, di mese in mese sino al momento in cui abbiamo deciso che non era più il caso di chiedere l'elemosina, continuando a pregare per qualche spicciolo. Non è nostra consuetudine. Abbiamo una dignità che non ci consente tutto questo. Ci permettiamo però di suggerire per il futuro, che sarebbe opportuno magari prendere tali decisioni "di non partecipare", tra l'altro assolutamente legittime, prima di fruire della pubblicità sui manifesti e delle poltrone riservate, forse così si dimostrerebbe più rispetto verso l'organizzazione, verso gli argomenti trattati e verso i destinatari dell'evento stesso e magari, tutti insieme, avremmo apprezzato un comportamento onesto, trasparente e corretto. Non si finisce mai di imparare. Questo anche perchè non pretendiamo alcuna garanzia scritta, proprio per la fiducia e la consapevolezza di avere a che fare con persone corrette, evidentemente sbagliamo. Siamo molto dispiaciuti per questo, non ci si comporta così caro sindaco, ma non per questo ci fermeremo. Le faremo avere una bella lettera di ringraziamento, anche se siamo certi che non ve ne potrà fregare di meno, comunque è stato veramente gentile. Arrivederci al prossimo anno, ma sicuramente non tra le prime file............."A buon intenditor".....
Luglio 2009
A pochi giorni dallo spettacolo, iniziano le consegne delle prime donazioni. Prima tra tutti la Croce Rossa Italiana - Sezione di Roccella Jonica, alla quale abbiamo donato una serie di tute per i volontari ed una postazione miltimediale, ringraziandoli del contributo che hanno sempre offerto in campo nazionale e locale e con l'auspicio che il loro impegno e la loro dedizione al sostegno di quanti necessitano di aiuto, non venga mai meno. Grazie

Francesco Minici
Ottobre 2009
Donazione Notebook all'Associazione "Oltre e...non oltre" di Siderno augurando alla stessa un proficuo lavoro sul nostro territorio ed anche........oltre.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu